Pinocchio rappresenta una figura centrale della vita artistica di Bios Vincent: in esso egli si identifica, cogliendone la dimensione della tragedia che si divincola dal dramma.

Pinocchio è l'uomo che vuole salvare il mondo; da qui comincia la sua inquietudine. Procede in questo intento volgendo lo sguardo dentro di sé, prima di perdersi nell’abisso che gli si apre dinnanzi ad una veloce occhiata lanciata là fuori. Egli è travolto dal viaggio interiore che, come essere umano, compie alla ricerca del senso della vita.

Una ricerca condotta con coraggio e al tempo stesso con paura. Coraggio, inteso come atteggiamento costruttivo, che si infrange contro l’instabilità dell'animo umano, incerto e fluttuante, soggetto all'influenza della mente, attraverso cui la percezione della realtà si costruisce generando, talvolta, un insormontabile muro di paura.

È allora che Pinocchio mente, spudoratamente, irriducibilmente. Mente perché è l'unico modo in cui può ancora provare ad affermare il suo antico desiderio di salvare, forse non il mondo, ma almeno la possibilità per la sua anima di pensare la salvezza.”


Pinocchio is a central figure in the artistic life of Bios Vincent. He identifies himself with this character, and interprets it feeling the magnitude of the tragedy that wriggles from the drama.

Tragic and irreducible, Pinocchio represents the last bastions of salvation, and become, as an alter ego, the protagonist of all his performances.

Pinocchio represents the man who wants to save the world; here began his restlessness. He proceeds in this endeavor turning to look inside himself, before getting lost in the abyss that opens in front of him, after a quick glance thrown out there. He is overwhelmed by the inner journey that, as a human being, performs searching for the meaning of life.

A research conducted with courage and, at the same time, with fear. Courage, understood as a constructive attitude, which is shattering by the instability of the human soul, uncertain and fluctuating, subject to the influence of the mind, through which the perception of reality is constructed by generating, at times, an insurmountable wall of fear.

It is then that Pinocchio lies, shamelessly, irreducibly. He tell lies because this is the only way to still try to assert its ancient desire to save, maybe not the world, but at least the possibility that his soul was able to think salvation.